top of page
Cerca

I letti freddi sono troppo caldi.

NZZ, 24 November 2019


Negli appartamenti di vacanza, il riscaldamento funziona anche se non c'è nessuno. Ora uno studio mostra come i proprietari possono risparmiare sui costi energetici. (Articolo tratto dalla NZZ del 24 novembre 2019)


Un progetto pilota nel Canton Vallese ha dimostrato che la maggior parte dei tipi di riscaldamento può essere controllata a distanza con un investimento minimo: Zermatt. (Fonte: NZZ)


Anche durante le assenze più lunghe, nella maggior parte delle seconde case il riscaldamento viene abbassato di poco o per niente, perché altrimenti i proprietari si ritroverebbero con un appartamento freddo alla prossima visita. Ora la situazione sta cambiando, grazie a dispositivi controllati a distanza che utilizzano un'app per riaccendere il riscaldamento in tempo utile quando l'arrivo degli ospiti è certo.


Dopo un test pilota nel Canton Vallese, "Energia Svizzera", con il sostegno dell'Ufficio Federale dell'Energia, sta lanciando un programma dal nome accattivante "Make Heat Simple", inizialmente progettato per quattro anni. La nuova piattaforma "Make Heat Simple" intende dare un contributo significativo alla riduzione delle emissioni di CO2 del settore edilizio. Gli autori dello studio ipotizzano un notevole potenziale di risparmio di CO2.

Facile da usare

Questo obiettivo deve essere raggiunto installando semplici dispositivi di controllo nel maggior numero possibile di appartamenti utilizzati temporaneamente. I dispositivi possono essere controllati a distanza, di solito tramite smartphone. Un progetto pilota nel Canton Vallese ha dimostrato che la conversione dei più comuni tipi di riscaldamento può essere effettuata senza problemi. Utilizzare i dispositivi è ormai un gioco da ragazzi.


Secondo lo studio, l'investimento, che varia da 500 a 2500 franchi svizzeri a seconda del prodotto, viene ammortizzato in brevissimo tempo grazie ai possibili risparmi. Ciò potrebbe essere dimostrato dai corrispondenti dati di misurazione dei riscaldatori di stanze di seconde case. Nonostante i numerosi vantaggi, questi telecomandi sono attualmente utilizzati solo in appena il 2% delle seconde case a livello nazionale. "Da un'indagine è emerso che ciò è dovuto principalmente al timore di installazioni presumibilmente complesse e costose e, in generale, a una scarsa conoscenza di questi sistemi", afferma Patrick Kutschera, direttore generale di Energia Svizzera. La piattaforma www.makeheatsimple.ch offre quindi non solo un calcolatore che può essere utilizzato per calcolare il periodo di ammortamento, ma anche una funzione di ricerca per trovare rapidamente un installatore locale.


Il numero di seconde case in Svizzera è stimato in circa 700.000, e gran parte delle case utilizzate per il turismo risale agli anni '60 e '70. Spesso sono scarsamente isolati e molti hanno urgente bisogno di essere ristrutturati per garantire l'efficienza energetica. Spesso sarebbe addirittura più sensato demolirli e costruirne di nuovi. Ma questo è raramente possibile, soprattutto negli edifici con condomini. Le case di villeggiatura autonome sono vuote per la maggior parte dell'anno, ma spesso vengono riscaldate durante i mesi invernali per evitare danni da freddo. Anche nel caso delle seconde case in affitto, l'occupazione media raramente supera i 60 giorni all'anno. A differenza degli edifici occupati in modo permanente, l'incentivo alla ristrutturazione ad alta efficienza energetica è quindi minore.


Gran parte degli edifici della fase di boom sono ancora dotati di sistemi di riscaldamento a gasolio, che rappresentano la maggioranza in tutte le regioni di vacanza. Le energie rinnovabili, come le pompe di calore e i sistemi solari, sono utilizzate solo negli edifici più recenti, la cui costruzione è diminuita drasticamente dopo l'adozione dell'iniziativa sulle seconde case.

Il default è raramente implementato

Già oggi, i modelli di regolamento dei Cantoni nel settore energetico prescrivono la regolazione a distanza degli impianti di riscaldamento nei nuovi edifici di seconde case. Tuttavia, dalle interviste con elettricisti e tecnici del riscaldamento condotte nell'ambito dello studio BfE è emerso che "molti progettisti, ingegneri, proprietari di edifici, gestori di immobili e anche installatori non sono a conoscenza di questo obbligo di legge e quindi spesso non lo attuano".


Ora le amministrazioni e i proprietari di appartamenti devono essere convinti a installare a posteriori questi telecomandi, con la prospettiva di ridurre i costi di manutenzione. Poiché nelle case di vacanza le fonti di umidità interna sono di solito meno numerose, come ad esempio le piante da appartamento, il rischio di problemi di condensa e muffa è considerato basso, anche se la temperatura viene abbassata a 6 °C per le case unifamiliari o a 12 °C per i condomini. Tecnicamente, ad eccezione dei sistemi di riscaldamento a legna, tutti i sistemi di riscaldamento possono essere controllati a distanza.


In effetti, molti proprietari abbassano già manualmente le temperature durante le assenze più lunghe. Se un numero maggiore di essi lo facesse e con un controllo a distanza, il potenziale di risparmio sarebbe notevole. Se le temperature degli ambienti venissero abbassate in modo costante, si arriverebbe a 2100 gigawattora di energia. Per il portafoglio, ciò equivale a più di 200 milioni di franchi svizzeri di costi di riscaldamento risparmiati ogni anno.

Comments


myTEMSmartHome_Logo_Startseite_neu_edited_edited.png
bottom of page